Riqualificazione del Cavalcavia di San Lorenzo: realizzazione di un cicloparcheggio con servizi dedicati ai ciclisti urbani e ai cicloturisti

Riqualificazione del Cavalcavia di San Lorenzo: realizzazione di un cicloparcheggio con servizi dedicati ai ciclisti urbani e ai cicloturisti

Il Cavalcavia di San Lorenzo è una delle principali porte di accesso alla città. Su di esso transitano sia le corriere che, provenienti dalle varie valli della provincia, entrano a Trento, sia gli abitanti di Piedicastello, borgo storico della città recentemente restituito al suo splendore dopo una profonda ristrutturazione che ha visto il risorgere dell’antica piazza lì dove, fino a pochi anni fa, passava la tangenziale.


All’imbocco del cavalcavia sulla rotatoria posta di fronte al Bar Funivia, vi è un’area carburanti, da tempo dismessa, che se recuperata completerebbe una serie di lavori di rivalorizzazione urbanistica di pregio della zona della città che si affaccia sull’Adige, proprio all’altezza di Piedicastello
L’area inoltre è collegata pedonalmente al parcheggio ex-SIT che data la sua vicinanza al centro storico, viene utilizzato da chiunque si reca a Trento con l’auto.
Si tratta, quindi, di uno snodo nevralgico della mobilità motorizzata, sia privata che pubblica, ma anche ciclopedonale per chi entra nel centro della città.


Per questo motivo, il consigliere comunale Michele Brugnara del gruppo PD-PSI “Insieme per Trento” ha presentato in data 9 ottobre 2018 una mozione in cui si chiede l’abbattimento del vecchio distributore carburanti e la rivalorizzazione dell’intera area collocata all’interno di un ampio intervento di ambito urbano i cui benefici ricadrebbero anche sul Bar Funivia e su Piedicastello con un collegamento ciclopedonale sicuro.

Al suo posto, viene prevista la realizzazione di un cicloparcheggio coperto e sicuro con almeno 200 stalli e alcuni servizi dedicati alla mobilità in bici come una ciclofficina per le riparazioni, servizi di noleggio bici e deposito temporaneo delle borse delle bici, una rivendita di bici usate e una fontanella per l’acqua.

Si chiede inoltre di valutare la realizzazione di un “infopoint” per ciclisti con l’installazione di un totem informativo-turistico culturale con: mappa della Ciclovia Eurovelo 7, mappa della rete urbana delle piste ciclabili e integrazione con la rete provinciale, informazioni sul trasporto bici sulla Funivia Trento-Sardagna, oltre ad una serie di informazioni che promuovano il Territorio cittadino e le sue attrazioni turistiche.

Infine, per rendere l’intervento sull’area più omogeneo e completo nelle sue finalità, viene chiesta la valutazione per la costruzione di un percorso ciclabile in sicurezza che colleghi il borgo di Piedicastello a Piazza Dante, passando per il Cavalcavia San Lorenzo e la realizzazione di una nuova segnaletica più chiara per i ciclisti che provengono dalla ciclabile lungo l’Adige

Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply