Una lapide per fare Memoria del coraggio delle donne trentine che protestarono contro la Guerra del 1915-18

Una lapide per fare Memoria del coraggio delle donne trentine che protestarono contro la Guerra del 1915-18

Il 3 dicembre 2018 la Commissione consigliare per la cultura, toponomastica, formazione e sport presieduta da Paolo Serra, capogruppo del PD-PSI Insieme per Trento, ha presentato un Ordine del Giorno in cui si propone la realizzazione di una lapide in memoria delle proteste delle donne trentine contro la guerra 1915-1918.

Si tratta di un riconoscimento del coraggio di quelle donne che cento anni fa, poco prima dell’intervento italiano nella Prima Guerra Mondiale, furono protagoniste di importanti dimostrazioni pubbliche per protestare dapprima contro l’obbligo di leva di massa esteso a tutti gli uomini in età compresa tra i 18 e i 50 anni e in seguito contro il protrarsi negli anni della Grande Guerra.

La prima protesta avvenne il 14 aprile 1915, quando circa cento donne inscenarono una dimostrazione di fronte al Municipio di Trento. A questa seguirono diverse altre manifestazioni, ancora a Trento ma anche a Riva, Rovereto, Vallarsa.
Centinaia di donne che chiedevano a gran voce il ritorno a casa dei loro uomini e che non smisero mai di protestare, anche durante il conflitto mondiale, a causa della fame, e dei soprusi che furono costrette a patire con il resto della popolazione civile per la presenza dei soldati acquartierati nelle retrovie responsabili di furti di bestiame e di qualsiasi altro genere di sostentamento nelle disponibilità degli abitanti.
A fronte dell’ingiustizia sociale e umana derivata dalla guerra, la voce del Trentino che chiedeva la fine del conflitto era la voce delle sue donne.

Per questo, a cento anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale, la Commissione cultura ha deciso di rendere omaggio al loro coraggio e alla loro dignità con l’installazione di una lapide che permetta ai cittadini di fare Memoria del loro esempio, da posizionarsi in una via centrale della città di Trento, possibilmente sulla facciata del Municipio o in alternativa in luoghi e/o vie adiacenti dove sia ben visibile alla cittadinanza

Leave a reply →

Leave a reply

Cancel reply